Licenza Creative Commons
Distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Il passaggio di stato, laboratorio di fisica Open, Arduino, Python | Gli studenti di Marco » Gli studenti di Marco Il passaggio di stato, laboratorio di fisica Open, Arduino, Python | Gli studenti di Marco
Crea sito

Il passaggio di stato, laboratorio di fisica Open, Arduino, Python

Posted by marcoc on 23 Maggio 2020 under Arduino e Python, Fisica, III As | Comments are off for this article

La fusione con il Laboratorio di Fisica Open

Buongiorno ragazzi e ragazze!

La pandemia non ci ha fermato! Terni è ancora viva!

Non ha visto i morti di Bergamo, città alla quale siamo legati dal gemellaggio delle tifoserie delle nostre squadre del cuore, ma è rimasta ferita profondamente.

Tutte le mattine portando fuori il cane Terni non era come d’estate, che vedevi le case vuote ed eri uno dei superstiti di una città fantasma. Dentro le case mi immaginavo persone e vita, costrette su una superficie dell’ordine di un centinaio di metri quadri.

L’uomo non è nato per per vivere in spazi angusti, ha bisogno di osservare orizzonti, immaginare cime e godersi paesaggi. Tutto questo ci è mancato per due mesi: la fila al supermercato è diventata la distrazione della settimana, la lezione con i prof  la mattina, appena svegliati, è stata la botta di vita della giornata eppure non vi siete lasciati andare all’indolenza, avete reagito.

Chi si è costruito una palestra dentro casa, chi ha studiato con più passione le materie e gli argomenti che più lo interessavano, come fece Newton, durante la peste nel XVII secolo. Abbiamo superato anche questa, chi con qualche livido in più, chi con qualche livido in meno. Abbiamo reagito.

Vorrei che le sensazioni che avete provato in questo periodo rimanessero nella vostra mente, come periodo di mancanza, ma soprattutto come periodo di riflessione sulle cose importanti, a cui teniamo: degli sguardi di affetto che non avete potuto dare, anche ai compagni che forse stimate di meno, dei sorrisi che non avete potuto rivolgere al negoziante che sta davanti alla classe e che avete spesso provocato, tanto per non annoiarvi tra una lezione e l’altra.

Forse è così, per due mesi avete perso tutto ciò di cui avete quotidianamente fatto a meno.

Ma la Fisica no! Oggi vi propongo due relazioni sull’esperimento fatto a casa mia e portato nella vostra attraverso un video. Vorrei che le confrontaste e trovaste le differenze e gli elementi che hanno in comune. Non le pubblico per farvi vedere quanto sono bravi quelli che le hanno scritte, ma per farvi riflettere su quello che avete scritto voi , per farvi confrontare non per farvi primeggiare, ricordatelo. Buon fine anno e buona lettura.

Clicca per leggere la prima relazione

Clicca per leggere la seconda relazione

La seconda relazione, senza nome, è di Alessandro Sotgiu

 

Comments are closed.